Tra Gianmaria Antinolfi e Belen Rodriguez, più che di fuoco della passione, si è trattato di una fiammata. La storia tra i due è già arrivata al capolinea, la showgirl argentina è tornata single e ora dedica il suo tempo esclusivamente al figlio Santiago a cui è legatissima. Ma nonostante quello tra i due si possa considerare un capitolo chiuso, qualcuno ha ancora qualcosa da dire. Questa volta è la ex fidanzata di Antinolfi a parlareMariela Ballesteros, questo il suo nome, intervistata dal settimanale Chi svela qualche dettaglio risalente al periodo in cui Belen e Gianmaria avevano terminato la loro frequentazione:

«Si chiama Giovanni Maria, si presenta come imprenditore del gruppo del lusso Kering. In realtà non è né imprenditore né milionario. È un impiegato di questo colosso»

Inizia con il botto la rivelazione della donna, che ha di recente incontrato Antinolfi:

«Ho notato la sua sofferenza per la fine della storia con Belen. […] Era affranto. Lo conosco, ci proverà ancora con lei. È venuto a piangere da me»

Secondo le parole di Mariela, l’imprenditore che, stando alle sue parole è in realtà solo un impiegato, sta ancora soffrendo per Belen. Ma non mancano le critiche nei confronti dell’uomo per il suo comportamento in amore. A quanto pare incorreggibile:

«Alla luce di tutto quello che ho visto e letto, non è cambiato di una virgola dalla persona che ho conosciuto. Diciamo che anche con me ha sbagliato. Nei sentimenti, non è stabile. Per Giangi, l’amore non è una cosa seria»

Anche Mariela Ballesteros, come Belen, è argentina. Il suo intervento nonostante la fine della relazione tra i due sia precedente all’incontro di Antinolfi con la showgirl, è dovuto al fatto che la stessa è la donna con cui Gianmaria Antinolfi è stato paparazzato recentemente, dopo la fine della relazione con la Rodriguez. Mariela giura che tra lei e “Giangi” non ci sia alcun ritorno di fiamma. Oggi è mamma di due bambini ed è sentimentalmente legata ad un altro uomo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here