E’ uno che non molla mai, Manuel Bortuzzo. Eppure di motivi per farlo ne avrebbe, secondo la mentalità corrente. Invece lui, una carriera sportiva segnata da un maledetto proiettile che lo ha centrato alla spina dorsale riducendolo sulla sedia a rotelle, non ha mai perso il sorriso. Nonostante il destino beffardo.

Lo racconta lui stesso, con la grinta che lo ha fatto conoscere alla nazione, ospite di Io e te, la trasmissione del primo pomeriggio di Rai Uno che racconta storie, offre testimonianze, trasmette spunti di riflessione. E lui, Manuel, è una persona speciale, che trasmette voglia di vivere e di non arrendersi nonostante le tragedie che possono presentarsi di traverso. “Non mollo mai”. Appunto. Lo si era ampiamente capito.

Un proiettile che gli cambia la vita

Era una giovane promessa del nuoto, Manuel Bortuzzo, 21 anni Quando una sera, il 3 febbraio 2019, mentre era all’esterno di un pub in compagnia della sua ragazza, è stato ferito da un proiettile che lo ha centrato alla schiena spezzando i suoi sogni. Uno scambio di persona. Non un incidente, ma un vero e proprio gesto criminale. La sua vita è cambiata, la famiglia si è dovuta riorganizzare e lui, che ha fatto registrare una ripresa straordinaria, è tornato ad allenarsi in piscina e si sottopone a regolari sedute di fisioterapia. È tornato al suo elemento, l’acqua, anche se in maniera diversa. Quando perdi l’uso di una parte del corpo, senti la realtà in maniera diversa. Ammette di non essere un tipo social, ma ha un largo seguito. Di amici e di follower che lo ammirano per via del suo coraggio e della sua straordinaria forza di volontà.

La rinascita: la moda, il pianoforte, gli allenamenti

Ama la moda, Manuel. Etro lo ha invitato allo show dal vivo che si è tenuto a Milano, lo scorso 15 luglio, e il giovane ci è andato con gioia. E non è l’unico dei suoi interessi collaterali, oltre allo sport. Suona anche il pianoforte, come ha spiegato in un’intervista a D Repubblica. Spiega di essersi applicato durante le interminabili giornate del lockdown. E non è tutto: Manuel Bortuzzo è anche autore, di una biografia, nello specifico, intitolata, guarda caso, “Rinascita”, la sua. Una storia che ora sta anche diventando un film. Un ragazzo con il sorriso, Manuel. E con un talento straordinario.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here