--Advertisements--

Una donna brillante, intelligente, una professionista nel panorama culturale italiano: questo il ritratto della sorella di Vittorio Sgarbi Elisabetta, fondatrice, insieme ad altri, della casa editrice La nave di Teseo, per i cui tipi è uscito, tra l’altro, Il Colibrì di Sandro Veronesi, fresco vincitore del Premio Strega.

Si tratta della prima importante affermazione per la giovane casa editrice, il cui nome è legato indubbiamente a quello di Umberto Eco. L’autore de “Il nome della rosa”, con grande generosità e genio visionario, volle fortemente quella che si presentava come un’impresa ardua e non visse abbastanza per vedere la sua creatura – di cui era fierissimo – crescere e affermarsi.

Un bel regalo di compleanno, questo Premio Strega, per Elisabetta Sgarbi nata a Ferrara il 9 luglio del 1956 sotto il segno del Cancro, che le ha conferito una innata creatività e passione per la cultura e per l’arte: per dedicarsi al progetto de “La nave di Teseo”, di cui è direttore generale ed editoriale, ha lasciato la Bompiani dopo anni di servizio. Nel 2017 la neonata casa editrice ha acquisito la Baldini&Castoldi e Oblomov Edizioni, diventando una realtà prestigiosa e indipendente.

Elisabetta Sgarbi laurea, formazione ed esperienze

Una laurea in Farmacia, Elisabetta Sgarbi, sorella di Sgarbi, effervescente critico, politico ed opinionista, ha all’attivo una lunga carriera nel mondo editoriale. Ha dato il suo contributo allo Studio Tesi, per poi passare a Bompiani dove ha ricoperto l’ambito incarico di ufficio stampa, editor e direttore editoriale. Infatti, “Elisabetta Sgarbi Bompiani” è una delle associazioni più frequenti, sul web, per il suo nome: 25 anni di onorata attività non si dimenticano. Nel 2015 il grande salto: lascia per fondare assieme ad altri La Nave di Teseo.

--Advertisements--

E’ ideatrice e direttore artistico de La Milanesiana, rassegna culturale a carattere itinerante con concerti, incontri, proiezioni, mostre e dibattiti: l’edizione 2020, la ventunesima, “la più difficile da immaginare” nelle parole della sua creatrice, a causa dell’emergenza coronavirus, è stata di recente confermata. Il tema portante sarà quello dei colori.

Produce e dirige lavori cinematografici, presentati a Festival internazionali, e ha avuto modo di lavorare con attori del calibro di Laura Morante e Toni Servillo.

Presiede la Fondazione Elisabetta Sgarbi, il cui obiettivo è la promozione della cultura e della lettura, nonché di incontri e mostre.

--Advertisements--
Previous articleQuanto dura il pesce scongelato in frigo? Ecco ciò che non sapevi
Next articleTutto su Andrea di Temptation Island: chi è il bel fidanzato di Anna

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here