medicina allopatica
medicina allopatica

La medicina allopatica, chiamata anche allopatia, è un termine che ha usato per la prima volta il fondatore dell’omeopatia Samuel Hahnemann nel XIX secolo. Questo termine è stato usato per evidenziare che questo tipo di medicina si serve di principi farmacologici e azioni curative per contrastare dei sintomi.
Un termine che deriva dal greco: allos, che significa diverso oppure opposto, e pathos, che significa sofferenza.
Hahnemann con questo termine voleva diversificare la sua scienza (omeopatia) dalle cure della medicina ufficiale, che definiva allopatica proprio perché si basa sullo scontro di due principi opposti, mentre l’omeopatia cura con le stesse sostanze che causano il disturbo.
Secondo il fondatore dell’omeopatia le cure allopatiche non erano interessate alla persona nella sua totalità, formata da corpo e mente.

Medicina allopatica: cos’è?

La medicina allopatica è la medicina tradizionale, che deriva da basi scientifiche e che la maggior parte delle persone considera standard. Questo tipo di medicina prevede l’uso di farmaci allopatici, trattamenti e vaccini per la cura dei pazienti e la prevenzione.

É stato scelto questo termine in senso dispregiativo, per sottolineare il contrasto tra sintomi e cura, che sono completamente opposti e che si vanno a scontrare con quelli che, invece, sono i principi dell’omeopatia.

L’accusa nei confronti della medicina allopatica è quella di non tenere conto di tutte le parti che compongono un individuo, lasciando quasi sempre da parte la mente dei pazienti, che vengono considerati solo in base ai sintomi che provano e al loro corpo.

La medicina allopatica considera il perfetto funzionamento dell’organismo come uno stato di salute, non tenendo conto del fondamentale equilibrio tra corpo, mente e spirito. L’allopatia considera la malattia solo come un’alterazione organica e funzionale.

La differenza tra medicina allopatica e omeopatia

La medicina allopatica e omeopatica sono opposte tra di loro, ma negli ultimi anni capita spesso che vengano usate insieme per scelta dei pazienti.
La medicina omeopatica prevede la cura di un disturbo con sostanze che causano proprio quei sintomi. Inoltre, prevede un dosaggio basso, considerato più efficace di una dose alta di un farmaco allopatico.
Nell’omeopatia vengono usate sostanze naturali che provengono da piante e minerali, tra cui: arnica, belladonna, calendula, lavanda e molte altre.

L’omeopatia si basa sulla considerazione dell’equilibrio perfetto tra corpo, mente e spirito, considerata la vera condizione di salute dell’individuo. Si basa sul “simile”, ovvero i sintomi di un determinato disturbo vengono curati con delle sostanze che possono far sviluppare proprio quel disturbo, in bassi dosaggi, spesso su misura del paziente. Il disturbo fisico, secondo l’omeopatia, compare quando non c’è equilibrio tra il corpo, la mente e lo spirito.

La medicina allopatica, per quanto riguarda il trattamento, ha lo scopo di rimuovere il sintomo e curare il corpo. L’omeopatia, invece, prevede un lungo colloquio con il paziente, in modo da analizzare lo stato energico della persona, e si basa su un intervento terapeutico individuale, completamente basato sulle caratteristiche specifiche di ogni singola persona.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here