Mentre gli Stati Uniti si apprestano a varare un piano da 2mila miliardi di dollari per fronteggiare il coronavirus, l’Europa non sembra invece riuscire a trovare un accordo sugli stimoli all’economia. Nel vecchio continente nasce però un’alleanza per dare vita agli Eurobond. A formarla nove Paesi, che avanzano la richiesta in vista dell’eurovertice di domani.

Alleanza per gli Eurobond

Spagna, Francia, Portogallo, Slovenia, Grecia, Irlanda, Belgio, Lussemburgo e Italia: sono questi i nove Paesi che chiedono gli Eurobond. Una richiesta formulata in una lettera congiunta, in cui i firmatari “indicano che “è necessario lavorare su uno strumento comune di debito emesso da una istituzione europea per raccogliere fondi sul mercato sulle stesse basi e a beneficio di tutti gli stati membri, assicurando così finanziamento stabile di lungo termine per le politiche necessarie per contrastare i danni provocati dalla pandemia.”

L’opposizione di Germania e Olanda

Resta naturalmente da capire se la proposta sarà recepita, considerata la posizione contraria della Germania e Olanda. Un’opposizione difficilmente comprensibile, che rischia di rendere sempre più invisa la gabbia europea in un momento in cui l’UE dovrebbe mostrare di esistere realmente. Continuare a proporre il dovere di tenere i bilanci in ordine sembra in effetti il modo migliore per favorire il fronte degli euroscettici. Con conseguenze che potrebbero essere letali una volta terminata l’emergenza.

Una posizione che stride con la realtà

L’opposizione agli Eurobond sembra fatta apposta per agevolare quei partiti che ormai da tempo si battono per una fine dell’Unione Europea. Un fronte che in una situazione come quella derivante dal diffondersi del coronavirus sembra destinata a trarre forza proprio dalla mancanza di solidarietà tra i Paesi che la compongono. Se la Germania dovesse proseguire nella sua cieca ostinazione, per i fautori dell’integrazione potrebbe rivelarsi impossibile proprio la fase successiva alla fine dell’emergenza. Proprio per questo c’è molta curiosità sull’eurovertice.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here